Cargo, primo giorno

20111022-090038.jpg

20111022-073921.jpg
Nave da crociera

20111022-074655.jpg

Con il capitano prima di salire

Viaggiare in nave è un’esperienza che se si vuole conoscere la Polinesia, deve essere assolutamente fatta. Mi sembrava stranissimo che io, proprio io che ho la nausea anche in ascensore potessi salire su quel mercantile come passeggero, mentre aspettavo insieme alla coppia di amici che mi avevano accompagnata; era come se non fossi io ma loro a partire, tanto mi sentivo tranquilla. Invece sono salita sulla passerella ripida, con la mia sacca piena di vestiti, accompagnata da un vecchio giornalista sportivo francese diretto a Fakarava per allenare una squadretta di giovani calciatori, sono passata in mezzo alle mercanzie, attenta a non inciampare e a non farmi subito male, fino a scoprire la plancia di comando, il ponte, la mia cabina. Ho la cabina del capitano, credevo di doverla condividere con il più giovane dei Salem, questa famiglia di origini libanesi proprietaria del Mary Stella, invece tutti sono restati in giro indaffarati, nessuno è entrato, nemmeno a notte fonda per dormire nella cuccetta a fianco alla mia. Meglio così, anche se i numerosi viaggi con Avventure mi hanno abituata a dormire con sconosciuti di tutti i sessi, a volte anche feroci russatori. Mi dicono tutti che l’oceano è calmo e che sono fortunata… Sto prendendo le pasticche consigliate da un farmacista e ne sono ben contenta, a me sembra che la nave rolli, dolcemente ma con costanza, e chissà se non avessi questi cachet a proteggermi! Ma la Mary Stella è una nave solida ed equilibrata, condotta sapientemente, fila come un fulmine, specie dopo il primo scarico, molto importante, dove una banda di muratori era partita con tutto il necessario, anche i fusti pieni d’acqua dolce, per costruire una casa su di un mutu. 2 milioni per il motu di 2.000 mq, 2 milioni per costruire perché. mi dice il grasso imprenditore, per fare un mc di calcestruzzo ci vogliono 600 franchi, quando normalmente ce ne vogliono 400, il trasporto incide per la metà del costo.

20111022-075233.jpg
Muratori in viaggio

Durante la navigazione posso dormire in cabina, a fianco alla plancia di comando, posso restare nella sala dove mangio insieme al capitano ed agli ufficiali, posso sedermi all’aperto a poppa della nave, sopra una panca con un tavolo verde davanti, dove viene servito il rancio ai passeggeri senza cabina, quelli che dormono sul ponte, sdraiati alla meno peggio sulle tavole ingombre di mercanzia.

20111022-075535.jpg
Passeggeri

So di non essere normale, ma fra una crociera di lusso, tutta cocktail e serate di gala, preferisco di gran lunga il mercantile, mi si sta aprendo un mondo… Il mondo della vita vera delle isole polinesiane. carico e scarico sono vitali, specie nelle isole più lontane e più isolate, l’arrivo della nave è una vera festa; il capitano sbarca con la sua valigetta rigida dalla quale sorgono bolle, fatture, ordini… E tutto è legato alla danza di carico e scarico delle mercanzie più diverse, dallo zucchero alla sabbia corallina che salgono e scendono in questa danza infinita.
E oggi, subito, come primo giorno, dopo Tikehau dove mi sentivo un po’ a casa,


Entrata nel pass di Tikehau

20111022-080705.jpg
Incontri a Tikehau

lo sbarco a Mataiva

20111022-090028.jpg
Mataiva

è avvenuto non direttamente dalla nave, sono stata messa alla prova immediatamente dal primo giorno, ma con delle grosse chiatte, insieme alla merce, calate in acqua con le potenti gru della Mary Stella. Sì, questa neve ha un ottimo e, da profana mi sembra, moderno equipaggiamento, un grande radar, computer che indica in ogni momento rotta e posizione, aria condizionata e un ottimo cuoco!

20111022-075953.jpg

Rancio

20111022-080009.jpg
L’aiuto cuoco

20111022-080212.jpg
Il fuochista

Annunci

Informazioni su fiore765

Una tardoncella di 53 anni che ha lavorato fino alla cinquantina come achitetto, 'mère cèlibataire' di un ragazzo oramai uomo con una buona professione avviata, che ho cresciuto da sola; dopo una vita ricca di responsabilita' ho felicemente perduto il lavoro (che era interessante e non avrei mai pensato di lasciare). Dopo un primo momento di disorientamento mi sono indirizzata verso la mia grande passione: andare alla scoperta del mondo! Cosi' sono partita per il Pacifico.
Questa voce è stata pubblicata in Fatti. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...