Hawaiki Nui – Raiatea

Il bello della Polinesia e’ questo orizzonte aperto, ampio e se si e’ in un punto dove sta piovendo si scorge il sole, a volte anche la luna, come in questo momento che mi sono dovuta riparare sotto una terrazza nel porto di Rajatea, per sfuggire alla pioggia e la luna, piena, albeggia di fronte a me. Anche oggi e’ stata una giornata particolare, in questa isola che amo molto, l’isola sacra, bella, verdeggiante con la sua gemella Tahaa, oggi ho assistito al mio primo arrivo della corsa di piroghe.
La prima tappa e’ di 45 km che si remano da Huahine a Raiatea, passando da un’isola all’altra in pieno oceano, tanto che e’ necessario avere un brevetto speciale per poter remare in mezzo al Pacifico. L’arrivo e’ poco dopo il mutu, l’isoletta sulla quale normalmente polinesiani e turisti vanno a prendere il sole ed a fare picnic;

Pesce alla brace, fresco, freschissimo!
la prima piroga arriva giusta giusta poco dopo che ci siamo installati, carichi di cibo sulla spiaggetta. Nel gruppo abbiamo l’onore di avere la madre
20111113-163143.jpg
di un partecipante alla corsa: nonostante la sua giovane eta’ e’ stato passato dalla categoria junior ai senior e la sua piroga arriva 11 esima… Non male per un debuttante! Il ragazzo ha cominciato a remare per combattere l’asma e ridurre gli effetti del cortisone che lo facevano ingrassare, dimagrire continuamente. L’allenamento e’ duro, la mattina prima della scuola o del lavoro, bisogna scendere alle 4 dal letto, poi a pranzo invece di mangiare e l’ultima remata al tramonto, per poter dormire tranquilli, 7 giorni su 7, con la pioggia e con il vento, unica concessione la domenica in scioltezza, per divertirsi.
Uno sport bello e faticoso, qui popolarissimo. Il ragazzo in questione, Ruahearii ci farà vivere delle belle emozioni arrivando sempre in ottime posizioni, 14imo nella seconda corsa e 13imo nella terza.
20111110-163940.jpg
Per chi gareggia con un piccolo Club ci sono tante spese e pochi confort: la madre Tiare mi racconta di quante torte abbia preparato e venduto per poter sostenere le spese necessarie; e’ sola a mantenere i due figli, il rematore e la bella sorella Ahutiare, non sta nella pelle per la gioia di vedere la sua creatura gareggiare da campione!
20111110-165422.jpg20111110-164905.jpg20111110-165502.jpg

Informazioni su fiore765

Una tardoncella di 53 anni che ha lavorato fino alla cinquantina come achitetto, 'mère cèlibataire' di un ragazzo oramai uomo con una buona professione avviata, che ho cresciuto da sola; dopo una vita ricca di responsabilita' ho felicemente perduto il lavoro (che era interessante e non avrei mai pensato di lasciare). Dopo un primo momento di disorientamento mi sono indirizzata verso la mia grande passione: andare alla scoperta del mondo! Cosi' sono partita per il Pacifico.
Questa voce è stata pubblicata in Fatti, Tradizioni. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...